SCELTA MAGISTRALE DOPO SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE - Università.com - il forum degli universitari
Università.com - il forum degli universitari

Vai indietro   Università.com - il forum degli universitari > Link Utili > I Servizi di Orientamento Universitario




Se lo trovi interessante, puoi segnalarlo ai tuoi amici sui Social Network!

SCELTA MAGISTRALE DOPO SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE

I Servizi di Orientamento Universitario


Rispondi
 
Strumenti della discussione Cerca in questa discussione Modalità di visualizzazione
  #1 (permalink)  
Vecchio 12-06-2016, 19:24
Junior Member
 
Registrato dal: Jun 2016
Messaggi: 3
predefinito SCELTA MAGISTRALE DOPO SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE

Ciao a tutti. A breve conseguirò la laurea triennale in Scienze della Comunicazione. Ho intenzione di continuare gli studi e sono tentato dal corso magistrale in "Economia e Diritto per le imprese e le pubbliche amministrazioni" dell'Università di Modena e Reggio Emilia. In questi 3 anni, mi sono reso conto che ho una passione per le materie giuridiche ed economiche, avendo scelto il percorso legato alla comunicazione d'impresa e al marketing. Secondo voi potrei ritrovarmi fuori mercato? L'università UNIMORE è spendibile o è da Serie B? Grazie mille a tutti :)
Rispondi quotando
  #2 (permalink)  
Vecchio 13-06-2016, 10:09
L'avatar di Bmastro
Administrator
 
Registrato dal: Jan 2009
Università: Padova
Messaggi: 1,478
predefinito

Per farti un'idea della spendibilità della laurea devi dare un'occhiata qui:
Condizione occupazionale dei laureati
__________________
Il mondo universitario è anche sul web
Università.net - Il portale degli universitari
Rispondi quotando
  #3 (permalink)  
Vecchio 13-06-2016, 21:40
L'avatar di Marika
Senior Member
 
Registrato dal: Oct 2014
Università: Università degli Studi Guglielmo Marconi
Messaggi: 832
predefinito

L'UniMoRe è una buona statale, il problema è cosa realmente vuoi fare della tua vita.
Mi spiego, senza offesa: la laurea in scienze della comunicazione non vale praticamente niente, se consideriamo che fino a poco tempo fa i giornalisti professionisti potevano esercitare senza laurea e quelli pubblicisti possono ancora farlo si può capire che viene meno il motivo principale di un corso come quello (se io posso fare la giornalista comunque, a cosa mi serve una laurea dedicata alla comunicazione?).
Capisco che dia una buona preparazione su molti argomenti, capisco che tu come tanti altri ci abbia messo tanto impegno, so che molti di voi si sono battuti per il rispetto nei confronti di SdC, ma la realtà è quella.
Ultimamente hai scoperto la passione per il diritto e l'economia, peccato che non ti sia venuta prima, ma guardiamo cosa offre questa UniMoRe: una LM77 se scegli l'indirizzo economico-aziendale e una LM63 se scegli quello dedicato alla pubblica amministrazione.
Cosa puoi fare?
Guardare i bandi di concorsi che ti interessano e vedere se quelle classi sono comprese.
Permettimi però di avere dei dubbi sulla compatibilità della L20 (che dovrebbe essere la tua classe) con la LM77 e la LM63, credo che siano necessarie numerose integrazioni.
Comunque se riesci ad essere ammesso e a prendere una LM77 rientri subito in carreggiata, perchè è una laurea magistrale abbastanza prestigiosa.

P.S. La pagina dell'UniMoRe risale al 2014, potrebbero aver disattivato il corso, buona fortuna!
Rispondi quotando
  #4 (permalink)  
Vecchio 14-06-2016, 14:41
Junior Member
 
Registrato dal: Jun 2016
Messaggi: 3
predefinito

Marika, in effetti, quando mi iscrissi era principalmente per la mia passione per il giornalismo. Io, tra le altre cose, scrivo anche per una testata online e a fine settembre prenderò il tesserino da pubblicista. Nei programmi iniziali, non avevo la benché minima idea di cosa fosse il marketing, il diritto d'impresa, perché pensavo di scegliere il settore "massa". Fortunatamente, un pò in ritardo, ho scoperto questa passione per tali tematiche. Ho contattato l'Unimore e dovrei sostenere solo un esame da 3 Cfu per iscrivermi, perché nel bando, CLAMOROSAMENTE, è indicata anche la classe L-20, scienze della comunicazione, con le dovute integrazioni. Avendo scelto il percorso "impresa", però personalmente dovrei fare solo una mera integrazione. Ciò che mi tormenta è la "discontinuità apparente" tra la triennale e la magistrale. Insomma, ho paura che per un datore di lavoro, non sia logico, leggere sul C.V, laurea in scienze della comunicazione e laurea magistrale in economia e diritto. Cosa ne pensi?

Ultima modifica di Christian Corda; 14-06-2016 a 14:44
Rispondi quotando
  #5 (permalink)  
Vecchio 15-06-2016, 15:06
L'avatar di Marika
Senior Member
 
Registrato dal: Oct 2014
Università: Università degli Studi Guglielmo Marconi
Messaggi: 832
predefinito

Se stai per diventare pubblicista non posso che dirti: benvenuto nel tuo incubo peggiore.
Ho un paio di amici che hanno intrapreso quel percorso, la loro testata presso cui hanno fatto il tirocinio li ha lasciati a spasso e adesso devono pagare la tassa annuale per rimanere iscritti all'ordine senza guadagnare niente.
Inutile dire che entrambi hanno raggiunto il titolo da diplomati, giusto per confermare ciò che ho scritto nel mio messaggio precedente.
Secondo me hai trovato non un'ottima ma una PERFETTA soluzione a tutti i tuoi problemi, ti prendi una laurea magistrale in scienze economico-aziendali perfettamente equiparata a quella in economia partendo da scienze della comunicazione, praticamente un miracolo.
Rispondi quotando
  #6 (permalink)  
Vecchio 19-06-2016, 21:26
Junior Member
 
Registrato dal: Jun 2016
Messaggi: 3
predefinito

Tu in cosa sei laureata o ti stai per laureare?
Rispondi quotando
  #7 (permalink)  
Vecchio 21-06-2016, 21:22
L'avatar di Marika
Senior Member
 
Registrato dal: Oct 2014
Università: Università degli Studi Guglielmo Marconi
Messaggi: 832
predefinito

Non economia.
Rispondi quotando
  #8 (permalink)  
Vecchio 03-12-2016, 14:44
Member
 
Registrato dal: Dec 2016
Messaggi: 63
predefinito

L'aspirazione di Christian non è così peregrina. Solo una minoranza di studenti del corso di laurea magistrale in Economia e diritto per le imprese e le pubbliche amministrazioni dell'Università di Modena e Reggio Emilia ha una laurea di base di classe economica.
Il corso in questione è stato attivato dal dipartimento di Comunicaazione ed economia, con sede a Reggio nell'Emilia, ed è poi divenuto interdipartimentale con il dipartimento di Economia "Marco Biagi", che invece ha sede a Modena. Gli insegnamenti obbligatorî e relativi esami che io sappia si tengono comunque tutti a Reggio.

La gran parte degli studenti laureati nel medesimo ateneo ha una laurea rilasciata dallo stesso dipartimento: il quale sino a poco tempo fa rilasciava, nel primo ciclo, solo la laurea in Scienze della comunicazione e la laurea in Comunicazione e marketing, entrambe afferenti alla classe L-20 (Scienze della comunicazione), in precedenza 14 (omologa dell'ordinamento previgente). Nell'anno accademico 2014-2015 la laurea in Comunicazione e marketing ha cambiato nome, divenendo Marketing e organizzazione d'impresa, passando alla classe L-18 (Scienze dell'economia e della gestione aziendale), rafforzandosi nella parte economica, in particolare quantitativa. Ma anche la vecchia laurea in Comunicazione e marketing e perfino la generica laurea in Scienze della comunicazione hanno una certa componente economica, derivante da una tradizione consolidata a partire dal fatto che l'Università di Modena era l'unica presso cui il corso di laurea ante-riforma in Scienze della comunicazione (5 anni) afferiva alla facoltà di Economia, già Economia e commercio (poi fu creata una facoltà di Scienze della comunicazione che nacque proprio per scorporo dalla facoltà di Economia, e che infatti mutò poi la sua denominazione dapprima in Scienze della comunicazione: comunicazione, economia e informazione e poi in Scienze della comunicazione e dell'economia, la cui eredità è per l'appunto oggi raccolta dal dipartimento di Comunicazione ed economia).

Il dipartimento nel secondo ciclo offre, oltre al corso di laurea magistrale interdipartimentale, uno in Management e comunicazione d'impresa, che comunque afferisce alla classe LM-77 e dunque consente l'accesso alla professione di dottotre commercialista, e uno in Pubblicità, comunicazione digitale e creatività d'impresa, afferente invece alla classe LM-59 (Scienze della comunicazione pubblica e d'impresa e pubblicità).
Per quanto concerne i requisiti d'accesso al corso che interessa a Christian, faccio copia e incolla direttamente dal regolamento didattico:
Costituisce criterio d'accesso il titolo di laurea conseguito nelle classi di
Mediazione linguistica (L-12, 3 DM 04/08/2000);
Lettere (L-10; 5, DM 04/08/2000);
Lingue e culture moderne (L-11; 11 DM 04/08/2000);
Scienze dei servizi giuridici (L-14; 2 DM 04/08/2000);
Scienze dell'amministrazione e dell'organizzazione (L-16; 19 DM 04/08/2000);
Scienze dell'economia e della gestione aziendale (L-18; 17 DM 04/08/2000);
Scienze della comunicazione (L-20; 14, DM 04/08/2000);
Scienze economiche (L-33, 28 DM 04/08/2000);
Scienze politiche e delle relazioni internazionali (L-36, 15 DM 04/08/2000);
Sociologia (L-40, 36 DM 04/08/2000).
Le conoscenze degli studenti con un titolo di laurea maturato nelle classi indicate sono quindi considerate adeguate per avviare il percorso di formazione magistrale.
Gli studenti provenienti da altre classi di laurea rispetto a quelle indicate dovranno comunque avere una buona conoscenza della lingua inglese e dovranno aver acquisito con la laurea una dotazione minima di 9 CFU nei settori scientifico disciplinari SECS-P/07, SECS-P/08, SECS-P/10, 6 CFU nei settori SECS-P/01; SECS-P/02, 6 CFU nei settori INF/01, ING-INF/05; 9 CFU nei settori IUS/01, IUS/04, IUS/05, IUS/09.
Per tutti gli studenti, l'accesso è condizionato al possesso di requisiti curriculari, definiti nel regolamento didattico del corso di studio. Indipendentemente dai requisiti curriculari, per tutti gli studenti è prevista una verifica della personale preparazione, con modalità definite nel regolamento didattico. Non sono previsti debiti formativi, ovvero obblighi formativi aggiuntivi, al momento dell'accesso

Tradotto in parole povere: i laureati in Scienze della comunicazione, come i laureati in discipline giuridiche, politiche, economiche, in Sociologia e perfino in Lettere e in Lingue, accedono senza debiti formativi. A tutti gli altri, fossero pure laureati in Infermieristica o Fisica nucleare, sono richiesti appena 9 crediti in settori economico-aziendali, 6 in settori economici, 6 in informatica o ingegneria informatica e 9 in settori giuridici di interesse economico. Il debito formativo massimo può dunque ammontare a 30 crediti. C'è scritto che non sono previsti debiti o obblighi formativi aggiuntivi all'accesso ma, in realtà, gli scorsi anni è stata organizzata una sessione cumulativa di recupero dei debiti con un esamino generale di idoneità, con programma differenziato a seconda del numero di crediti da recuperare e dei settori in cui recuperarli. Ora non so questo esame come si svolga; so solo che finché mi sono informato io non era stato necessario organizzare una sessione di recupero in quanto lo avevano superato tutti (quindi non ci si è neanche posti il problema del fatto che senza prima averlo superato non era possibile accedere agli esami del piano di studi).
C'è comunque una verifica della preparazione iniziale attraverso un test valutativo, che non ricordo se sia selettivo.
Teniate presente che il regolamento mi risulta semplificato rispetto a come me lo ricordavo. In precedenza che io mi ricordi esso prevedeva due gruppi di lauree, uno con accesso senza debiti (che erano sicuramente quelle economiche, giuridiche e politologiche) e l'altro in cui erano richiesti quei requisiti curriculari specifici o aggiuntivi (che erano Lettere, Mediazione linguistica, Lingue e culture moderne. Sociologia non ricordo in quale dei due gruppi fosse); poi c'era il terzo gruppo con tutte le altre lauree. Per come hanno fatto adesso, penso che andrà a finire che non dovranno neanche organizzare la sessioncina di cui sopra perché non ci sarà più nessuno che non avrà i requisiti (ai laureati in Lettere non sono più richiesti, mentre i laureati in Scienze sociali per la cooperazione e lo sviluppo dovrebbero averli).

Detto questo, veniamo al problema dell'ibrido: su quello direi a Christian che può andare tranquillo perché il 90% delle persone che ci circondano sono talmente ignorante da pensare che la laurea magistrale si consegua dopo un corso di studio unitario di cinque anni. Infatti la chiamano «quinquennale». Quest'equivoco nasce dal fatto che si pensa che la laurea sia in realtà una laurea breve che viene allungata attraverso un percorso integrativo di due anni (molti pensano che esista un corso unico quinquennale e lo studente può decidere di fermarsi al terzo o proseguire), rafforzato dal fatto che l'introduzione del ciclo unico per Giurisprudenza è coinciso con il passaggio dalle vecchie specialistiche alle nuove magistrali, per cui molti pensano che la laurea specialistica segua a un corso biennale dopo la laurea «breve» e la laurea magistrale a un corso direttamente quinquennale (in realtà è semmai l'esatto contrario: la laurea specialistica, anche se il relativo corso era biennale, prevedeva una tabella ordinamentale di cinque anni perché assorbiva anche i crediti che ci si portava dietro dalla laurea di accesso; ecco perché con quell'ordinamento era più complicato conseguire un titolo di secondo ciclo in un'area disciplinare diversa da quella del primo). Quindi al massimo possono pensare che si sia iscritto al corso quinquennale e gli hanno convalidato alcuni esami dalla precedente laurea, mentre è molto difficile che capiscano che in realtà si tratta di corsi di studio distinti e separati. Del resto non lo hanno capìto neanche gli ordini professionali, che hanno preteso riforme che consentono l'accesso solo con la laurea magistrale e dunque con un periodo di studi nella materia potenzialmente più breve di prima, né lo comprendono le pubbliche amministrazioni, che fanno dei pasticci che non vi sto neanche a riportare.
Rispondi quotando
  #9 (permalink)  
Vecchio 03-12-2016, 15:31
Member
 
Registrato dal: Dec 2016
Messaggi: 63
predefinito

Quote:
Originariamente inviata da Marika Visualizza il messaggio
Mi spiego, senza offesa: la laurea in scienze della comunicazione non vale praticamente niente, se consideriamo che fino a poco tempo fa i giornalisti professionisti potevano esercitare senza laurea e quelli pubblicisti possono ancora farlo si può capire che viene meno il motivo principale di un corso come quello (se io posso fare la giornalista comunque, a cosa mi serve una laurea dedicata alla comunicazione?).
La legge 69/1963 non è mai stata modificata. Ancora oggi i giornalisti professionisti possono divenir tali senza laurea. In teoria non ci vuole nemmeno il diploma, ma chi non lo possiede deve sostenere una prova preliminare alla prova di idoneità professionale.
Alla prova di idoneità professionale sono ammessi di norma coloro che hanno svolto un praticantato mediante contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato rimanendo iscritti nel registro dei praticanti per un minimo di 18 mesi e un massimo di tre anni (bisogna abilitarsi entro questi tre anni, altrimenti si perde a vita la possibilità di iscrizione, anche se non è mai accaduto che qualcuno venisse bocciato due volte consecutive).
L'Ordine dei giornalisti riconosce come contratti validi solo quelli collettivi sottoscritti dalla Fnsi e con l'Usig-Rai con la Fieg, la Rai e AerAnti Corallo, nonché i contratti utilizzati dalle emittenti televisive dotate di licenza nazionale e i contratti a tempo indeterminato della pubblica amministrazione. L'Ordine però, avvalendosi di un potere discrezionale in misura crescente di anno in anno, che in gran parte le è stato comunque riconosciuto per via giurisprudenziale, riconosce pure i praticantati d'ufficio, e in questo caso le ultime linee-guida che impongono:
1. il riconoscimento dei praticantati svolti nelle scuole di giornalismo convenzionate, con iscrizione ex ante nel registro dei praticanti;
2. il riconoscimento di tutti i periodi di lavoro di almeno 18 mesi, non frazionati, svolti in testate aventi i requisiti di legge (o anche no… Su questo stendiamo un velo pietoso), a tal fine equiparando alle testate giornalistiche gli uffici stampa pubblici ex lege 150/2000 e dpr 422/2001 e, per analogia iuris, quelli privati, purché regolarmente retribuiti, anche se svolti (sempre continuativamente) in sedi diverse (la continuità è data da assenza di interruzioni e non tanto dal possesso dello stesso contratto. Anzi, spesso l'Ordine ha riconosciuto anche il lavoro nero, purché debitamente documentato, anche se non riconosciuto giudizialmente; successivamente, poi, la Fondazione Inpgi "Giovanni Amendola" tenta di recuperare i contributi). In questo caso l'iscrizione al registro avviene ex post, ma ex tunc (cioè retroattivamente).
Negli ultimi anni è cresciuta moltissimo la quota di coloro che accedono alla prova di idoneità professionale, impropriamente nota come esame di Stato, provenienti dalle scuole di giornalismo, che oramai sono tutti laureati (l'ultimo biennio in cui la SGRTV e i tre istituti per la formazione al giornalismo storici hanno accettato persone non laureate risale a una quindicina d'anni fa), ma comunque stiamo a circa la metà dei candidati, non alla maggioranza. Gli altri provengono ancora dal praticantato classico, ancorché riconosciuto d'ufficio, e tra questi i laureati sono una minoranza.
Se poi andiamo a vedere i dati occupazionali, scopriamo che i giornalisti professionisti divenuti tali a séguito di praticantato classico sono quasi tutti occupati, ancorché precariamente, mentre tra quelli che hanno fatto le scuole di giornalismo coloro che riescono a trovare uno sbocco lavorativo costituiscono un'esigua minoranza. Questo deriva evidentemente dal fatto che i primi avevano già un lavoro prima di arrivare alla prova di idoneità professionale, mentre i secondi non avevano mai lavorato e dunque non sono conosciuti: un editore chi preferisce assumere tra un giornalista professionista divenuto tale tramite scuola e un praticante, considerando che i primi spesso non sono più preparati o bravi dei secondi e questi ultimi costano meno?
Sui pubblicisti è difficile a dirsi perché la situazione non è monitorata. L'Ordine già da anni riconosce ai pubblicisti che svolgono la professione giornalistica a tempo pieno, come unica o nettamente prevalente fonte del proprio reddito, il diritto di accedere alla prova di idoneità professionale senza praticantato, ma si tratta di un'opportunità che non sfrutta quasi nessuno (in un'amministrazione dove ho lavorato c'erano una decina di persone all'ufficio stampa: il capo e altri due sono pubblicisti, uno è professionista e tutti gli altri non sono proprio iscritti all'albo; una soltanto di questi ultimi si è preoccupato di farsi riconoscere il praticantato d'ufficio per diventare professionista, ed è stato assai complicato. Per i pubblicisti sarebbe molto più semplice, eppure non se ne fregano proprio). Per quanto riguarda gli altri, già si presume che la loro attività, essendo non occasionale e retribuita ma comunque non dovendo teoricamente costituire fonte principale di reddito per chi la esercita, sia svolta precariamente, concretandosi in corrispondenze, collaborazioni esterne, contributi sporadici. Per questo motivo, non vengono raccolti dati sulla loro situazione occupazionale, anche perché probabilmente si rivelerebbero informazioni che a qualcuno converrebbe fingere di non conoscere.

Quote:
guardiamo cosa offre questa UniMoRe: una LM77 se scegli l'indirizzo economico-aziendale e una LM63 se scegli quello dedicato alla pubblica amministrazione.
LM-77, Scienze economico-aziendali, se si sceglie l'indirizzo International business and law e LM-63, Scienze delle pubbliche amministrazioni, se si sceglie l'indirizzo Public management.

Quote:
Guardare i bandi di concorsi che ti interessano e vedere se quelle classi sono comprese.
Col vecchio ordinamento le cose erano un po' più semplici in quanto Scienze politiche era equipollente a Giurisprudenza e a Economia e commercio, le lauree rilasciate dalle facoltà di Economia erano tutte equipollenti tra loro, la laurea in Giurisprudenza era quasi sempre indicata accanto a Scienze politiche (e comunque alcuni anni fa è stata dichiarata anch'essa equipollente a Scienze politiche), Sociologia era equipollente a Economia e Scienze politiche, Scienze della comunicazione era equipolente a Sociologia e Scienze politiche, Relazioni pubbliche era equipollente a Scienze politiche, Scienze dell'amministrazione era equipollente a Scienze politiche, Scienze internazionali e diplomatiche era equipollente a Scienze politiche, Scienze coloniali era equipollente a Scienze politiche.
Alla fine, anche se le equipollenze non sono reciproche né godono della proprietà transitiva, i laureati in Scienze poitiche, Giurisprudenza, Economia in tutte le sue declinazioni, Sociologia, Scienze della comunicazione e Relazioni pubbliche potevano partecipare a tutti i concorsi nella pubblica amministrazione per i quali era richiesta una laurea nei settori giuridico, contabile, amministrativo (che poi coprono gran parte della pubblica amministrazione).
Adesso la situazione è un po' più complicata, poiché le equipollenze dichiarate per il vecchio ordinamento non sono analogicamente estese al nuovo (secondo me, per un ragionamento giuridico che non sto qui a riportare, si applicano lo stesso e alcune amministrazioni convidono questo mio orientamento, confermato anche da una certa giurisprudenza, ma la visione non è unanime). Tuttavia in linea di massima le amministrazioni tendono a riportare nei bandi più classi.
Si tenga presente che, come ribadito da varie circolari del dipartimento della Funzione pubblica:
- per l'accesso alle posizioni funzionali della carriera direttiva (istruttore direttivo, funzionario amministrativo, funzionario ispettivo etc.) è sufficiente la laurea;
- per l'accesso alle posizioni dirigenziali, anche ad interim, è necessario ricoprire una funzione per la quale è richiesta la laurea e avere maturato all'interno di essa, anche sommata con altre per le quali era comunque richiesta la laurea, almeno 5 anni di servizio, ridotti a 3 se il candidato è in possesso di laurea magistrale o master universitario di primo livello;
- per l'accesso al corso-concorso della Scuola nazionale dell'amministrazione (che accorpa la Scuola superiore della pubblica amministrazione e la Scuola superiore dell'economia e delle finanze) è necessario possedere laurea magistrale + titolo superiore (master universitario di secondo livello, dottorato di ricerca, diploma di specializzazione).
Ne consegue che le amministrazioni che richiedono la laurea magistrale per la categoria giuridica D (o equivalente dei comparti che hanno ancora le vecchie aree o qualifiche funzionali) commettono un illecito e i loro bandi sono impugnabili; analogamente, non è possibile assumere direttamente nella posizione economica D3 (in quanto l'accesso deve sempre avvenire dalla posizione iniziale della categoria giuridica e la posizione economica evolve per progressione orizzontale) e non è possibile richiedere per quest'ultima titoli superiori a quelli richiesti per la D1, in quanto lo status giuridico dei D1 e dei D3 è identico (sono funzionalmente equiparati e dunque gerarchicamente sullo stesso livello, solo che il D3 è più anziano oppure ha ottenuto progressioni orizzontali in base ad altri criteri).
Devo dire che negli ultimi due anni la situazione è nettamente migliorata; finalmente le amministrazioni hannp capìto che la laurea che debbono richiedere non è la magistrale ma la cosiddetta triennale. Il problema si pone quando il bando richiede una laurea in Scienze della comunicazione e presenta domanda uno che ha la laurea in Scienze politiche e la magistrale in Scienze dell'informazione e dell'editoria. Noi abbiamo avuto una casistica del genere e il responsabile del procedimento decise di ammettere il candidato, ma senza rettificare il bando avvalendosi dello strumento dell'autotela. Questo ha esposto l'amministrazione a ricorsi da parte di terzi controinteressati, che magari non avevano partecipato prendendo alla lettera il bando. Alcune amministrazioni per evitare che accada questo scrivono l'elenco delle lauree del vecchio ordinamento, l'elenco delle lauree del nuovo ordinamento e l'elenco delle lauree magistrali ammissibili. In questo caso però si pone un altro problema: se il concorso è per titoli ed esami e il concorrente è in possesso di due titoli (ad esempio perché il bando parla di laurea in Scienze dell'economia e della gestione aziendale e di laurea magistrale in Scienze economico-aziendali) conseguiti con due voti diversi, come si fa a valutare il titolo? In questo caso l'amministrazione ha diverse strade: la più comune è scrivere nel bando che prevale l'ipotesi più favorevole al candidato, ma spesso si ritrova che viene considerato il voto del titolo minimo richiesto e poi all'eventuale titolo superiore viene attribuito un punteggio fisso (in questo modo se io ho la laurea di base e la laurea magistrale entrambe valide per partecipare al concorso, sulla prima prendo un tot di punti in base al voto come da tabella riportata nel bando, mentre sulla seconda prendo 1 punto fisso; se invece ho una laurea di base non valida per partecipare al concorso ma ho una laurea magistrale valida, viene valutato il voto di quest'ultima e la prima non vale niente; se invece ho la laurea di base valida e la laurea magistrale non valida oppure non posseduta, vale solo il voto della prima. In questo modo si premia chi ha fatto studi più approfonditi e si premia ulteriormente chi ha fatto studi coerenti, e si punisce chi ha preso la laurea senza impegnarsi, nel minimo tempo possibile e con un basso voto, pensando che fosse importante solo la magistrale). Spesso però l'amministrazione non si pone proprio il problema ed è da quello che nascono i contenziosi. Infatti quando una cosa non è proprio contemplata dal bando non è che si possa agire discrezionalmente a seconda di come gira. Poi, dipende sempre dalla formulazione adoperata. Alcuni funzionari sono talmente precisi nello scrivere che prevengono tutti i possibili equivoci anche senza volerlo: una cosa è scrivere «Requisito per la partecipazione al concorso è il possesso di una laurea afferente alla classe L-XX o alla classe L-YY, ovvero di una laurea magistrale afferente alla classe LM-XX o LM-YY» è cosa diversa dallo scrivere «Requisito per la partecipazione al concorso è il possesso di una laurea afferente alla classe L-XX o alla classe L-YY; in assenza di questo titolo, sono ammessi coloro che hanno conseguito una laurea magistrale afferente alla classe LM-XX o LM-YY». Nel secondo caso è chiaro che la laurea magistrale può essere presa in considerazione solo ove il candidato non possegga una laurea di una delle due classi indicate.

Quote:
Permettimi però di avere dei dubbi sulla compatibilità della L20 (che dovrebbe essere la tua classe) con la LM77 e la LM63, credo che siano necessarie numerose integrazioni.
Neanche una.

Quote:
P.S. La pagina dell'UniMoRe risale al 2014, potrebbero aver disattivato il corso, buona fortuna!
Didattica
Rispondi quotando
  #10 (permalink)  
Vecchio 04-12-2016, 16:42
Member
 
Registrato dal: Dec 2016
Messaggi: 63
predefinito

Ieri mi sono dimenticato di specificare che l'associazione tra Scienze della comunicazione e il giornalismo è arbitraria non solo perché il giornalista si può fare senza laurea (il che non vuol dire niente. Nel Regno unito quasi nessuna professione è formalmente regolamentata, ma il mercato richiede dei presupposti per l'esercizio di talune professioni; in Spagna pure si può fare il giornalista senza laurea, ma normalmente gli editori assumono titolari di licencia o grado in Ciencias de la información o in Periodismo). In realtà il nesso a mio avviso è arbitrario anche perché quasi nessun corso di laurea della classe di scienze della comunicazione fornisce competenze effettivamente spendibili nell'esercizio della professione giornalistica. Pensiamo ad esempio alle materie che vengono richieste all'orale della prova di idoneità professionale: se uno si è laureato in Giurisprudenza, Scienze giuridiche, Scienze dei servizi giuridici o Scienze politiche non ha bisogno di studiare; se uno ha conseguito una laruea economica o economico-aziendale dovrà integrare qualcosa... Se uno ha conseguito una laurea della calsse di scienze della comunicazione, non è minimamente in grado di affrontare quell'esame se non ha integrato con molto studio personale, fatti salvi pochi e isolati esempi.
Tuttavia la laurea in Scienze della comunicazione può essere interessante per affacciarsi alla comunicazione d'impresa e alla comunicazione pubblica, posto tra l'altro che a isensi della legge 150/2000 e del DPR 422/2001 per l'accesso a posizioni negli uffici stampa e negli uffici per le relazioni con il pubblico delle pubbliche amministrazioni, per le posizioni funzionali per le quali sia richiesto il possesso di laurea è necessario possedere la laurea in Scienze della comunicazione, in Relazioni pubbliche «o in materie assimilate», oppure un'altra laurea seguìta da un master specifico (i dipendenti già in servizio in possesso di lauree diverse teoricamente avrebbero dovuto essere regolarizzati mediante una formazione interna). Sulla reale utilità della laurea è un po' complicato rispondere. La classe di scienze della comunicazione è quella all'interno della quale si trovano le lauree più diverse. Adesso fortunatamente c'è stata una fortissima contrazione nell'offerta formativa (e anche nel numero di iscritti, tanto che il numero chiuso è stato eliminato quasi dappertutto), ma al momento del picco i corsi di laurea della classe sono arrivati a oltre un centinaio, in media quasi uno e mezzo per ogni università, con l'Università di Palermo che, da sola, addirittura ne aveva 5 (Discipline della comunicazione, Giornalismo per uffici stampa, Comunicazione internazionale, Tecnica pubblicitaria, Comunicazione pubblica). All'epoca se confrontavi tra loro dieci corsi di laurea della classe (come tali aventi identico valore legale) ti mettevi le mani nei capelli per quanto erano diversi.
Rispondi quotando
Rispondi

Tag
comunicazione, magistrale, unimore

Strumenti della discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata
Modalità di visualizzazione

Regole d'invio
Non puoi inserire discussioni
Non puoi inserire repliche
Non puoi inserire allegati
Non puoi modificare i tuoi messaggi

BB code è attivo
Le smilie sono attive
Il codice IMG è attivo
il codice HTML è disattivato
Trackbacks are attivo
Pingbacks are attivo
Refbacks are disattivato


Discussioni simili
Argomento Ha iniziato questa discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
Laurea in Scienze della Comunicazione Rossellakkk Master Universitari 2 04-02-2015 01:37
VENDO appunti e riassunti Scienze della Comunicazione sofia_polly Offro 0 14-01-2015 16:26
VENDO appunti e riassunti Scienze della Comunicazione sofia_polly Scienze della Comunicazione e Sociologia 0 14-01-2015 16:23
laurea magistrale dopo laurea triennale in scienze della mediazione linguistica Silvia Discussioni generiche 5 15-08-2010 00:59
Test di ammissione per la Laurea in Medicina e Chirurgia 2009/2010 Bmastro Ammissioni ai Corsi a numero chiuso 2 22-09-2009 13:32





Tutti gli orari sono GMT +1. Attualmente sono le 10:47.


Powered by vBulletin® Version 3.8.9
Copyright ©2000 - 2018, Jelsoft Enterprises Ltd.

Traduzione italiana Team: www.vBulletin-italia.it
© Circuito WebNetwork.it - P.iva 03764980284